Archivio

Posts Tagged ‘diario’

Tag, Piratepad, Diigo…tanta roba

I tag elencati in Piratepad dal gruppo Itis13 sono molti e legati tutti all’educazione, o quasi. Oggi mi ascolto i tre video su Diigo e dopo l’account faccio qualche prova. Lo so che questo è il sistema giusto per “riporre” i nostri preferiti, come del resto lo è delicius, ma il bello nel mio caso, è che gli armadi non ho mai saputo metterli a posto: e infatti mi dimentico sempre di cosa c’è dentro…In ogni caso questo corso Mooc mi tocca proprio nelle cose in cui sono sempre stata un po’ più incerta…e mi costringe a puntarci sopra. Istintivamente vado su ciò che già conosco e mi rassicura, ma con l’andare avanti non posso più farlo e mi costringo così a prendere in esame proprio i tag, dopo gli rss e anche  i bookmaking, aggeggi infernali che non sono mai riuscita ad utlizzare coerentemente…

Il mio Diigo.

ps: avevo pensato di inserire tutti i tag del gruppo anche qui, ma non è una buona idea.

Categorie:General Tag: ,

Imprevisti del mestiere…

vuotoE se entro con Firefox? Ecco cosa accade…vuoto1E po entro nel blog e posso scrivere! vuoto2

Dopo un po’ di prove, l’ingresso con Mozilla mi ha permesso di poter postare questo nuovo articolo sul blog. In conseguenza della delusione dell’altra sera, quando mi ero resa conto che Blgolines non permette file omlp troppo ampi, mi sono alla fine decisa a scaricare RssOwl: ci è voluto un sacco di tempo…oggi ho inserito gli rss dei blog dei compagni di bordo…e andiamo avanti! Dato che il prof ha modificato i file omlp…dovrei poter continuare a usare Bloglines? Proviamo…e vi farà poi sapere…

Intanto mi annoto il nuovo post di Andreas: Racconti

ps: per bloglines, niente da fare…mi toccherà tenere RssOwl…uffi!

pss: parzialmente risolto: ho salvato il file _13 col blocco note e poi ho imporato in bloglines, salvato così lo ha preso e ora vedeo i feed di tutti i blog (c’è anche il mio eheheh, scusa prof.) ma non so perché, la stessa procedura per il file_12 non funziona…strano !

 

Categorie:mooc Tag:

Intriganti feed

Con Cantieri, il prof. insiste con questi illustri sconosciuti: i feed. Come bava di lumache, tutti i post e i commenti lasciano una scia che i feed raccolgono. I fila opml non sono certo da meno…mi ascolto il video   ben due volte…quei maledetti rss: ebbene sì, ne ebbi una pessima impressione appena “scapparono” fuori: il mio vecchio sito in puro html non ne aveva e tentai ripetutamente di creare dei feed che  implementassero automaticamente una sezione della homepage, ma non ci fu verso. Quel maledetto Pipes non voleva darmi l’rss giusto: chissà che combinavo di sbagliato? Sono passati degli anni e per fortuna gli rss ora sono generati automaticamente da tutte le piattaforme: joomla , moodle, fino a wordpress e tutti gli altri “luoghi” che “regalano” o no spazio gratis. Adesso basta un copia-incolla del link rss ed è fatta! E va bene, vado anche io a mettere i nuovi feed in Bloglines (non ho voluto scaricare RssOwl, perché preferisco le webapplication)…

Prima però gioco un po’ con GooglePlus: ci vado sempre poco, quasi mai, ma Maria Grazia ha aperto una comunity, eMooc Cafè: mi ha riconosciuto dal mio avatar…Invito a mia volta qualche collega che so si trova nel corso. Questo è più impegnativo di quello che sto seguendo in piattaforma moodle: quello me lo “mangio” e lo uso come un bellisimo reposity di risorse già belle e pronte, ma Andreas, mi fa faticare…

nomail

Non si entra…se non si ha una email comprovata! La mia è nicomarti@anche.no: bella, vero?

nonaff

I timorosi…escano prima…Come dire:-lasciate ogni speranza, voi che entrate…

 

eMooc Cafè

eMooc Cafè

 

Categorie:mooc Tag:

Pronti? Viaaa!

  • 6 aprile 2013, sabato

Ho appena iniziato il corso di Andreas Formigoni. Il primo post mi ha lasciato interdetta, anche se è coerente col suo

  • s
  • tile: non bisogna quindi aspettarsi il solito moodle che guida verso una strada sicura…Interessante anche l’analisi dei più dei 400  partecipanti…io mi vedo in quella che legge un po’ tutto, commentando solo lo stretto indispensabile.

Dalla bacheca, qualche giorno fa, ho raggiunto una sorta di blocco note comune, Piratepad: un oggetto buffo, voglio vedere dove porta..

Ho raggiunto anche un gruppo di noi su Twitter: ho faticato un po’ per iscrivermi al gruppo…per me Twitter è rigido, preferisco FaceBook

    • fiore

 

Oggi pomeriggio, nuove indicazioni, dopo quella di ieri l’altro: le leggerò con calma domani…

Tengo il diario, non apro un blog (ce l’ho già il mio…) ma prima “c’è altro da fare”.

  • 7 aprile 2013, domenica

Sono arrivati di nuovo gli ultimi due post, meglio, così me li rileggo. Il primo esamina i vari tipi di software..Leggo il terzo post e intanto trovo il diario di Maria Grazia: furba 🙂 dato che non si può aprire un blog o usare quello personale, ha deciso di usare Piratepad…

Ma meglio leggere questo post che rimando da ieri sera…e vengo ad avere la conferma che Google Reader verrà chiuso il 1° di luglio! Nooo !  A me questo era sembrato il più facile di tutti, adesso dovrò sceglierne uno e il noto RSSOwl, dovrò scaricarl

  • o sul pc…ma forse ne scelgo un altro on line…

Andreas ha messo un post con un sondaggio: voti chi vuole andare avanti: dato che adesso ho il nuovo aggregatore su Bloglines (la pagina chiederà la pass…), mi sento pronta…andiamo avanti?

ps: ho scuriosato fra i post e ho trovato quello della mia collega e amica Antonella: non sapevo che usasse Google Reader pure lei!

Provato il sito nuovo dei sondaggi, “rubato” ad Andreas, solo non riesco a configurarlo come lui…ora basta, il quarto  post, arrivato ora per posta, è già letto.

  • 8 aprile 2013

Col quinto post ho ricapito come dovrei usare i feed per trovare più facilemente ciò che mi interessa sul web…ho deciso di fare delle prove di feed incrociati per vedere che succede, anche se la cosa mi “sconvolge” un po’: sono abitudinaria e in definitiva mi piace perdere tempo in giro sul web per trovare quello che mi serve…Intanto osservo il numero dei commenti: indescr

  • ivibile quanti ce ne sono…
  • 12 aprile 2013

Sono passata dal quinto post, a questo: da quanto ho capito, è un posto di ampliamento, ma …di tutto riposo, per fortuna! Sto seguendo altri corsi per aggiornami su tante cose che mi interessano.

Adesso mi rileggo velocemente il post di Non solo luci: mi rivedo un paio di video di Emanuela che conoscevo e avevo perduto nella rete. Mi domando quando ho smesso di fregarmente di quanta parte di me lascio in giro per il web…

  • 13 aprile 2013

Riprendo la riflessione di Non solo luci e penso: un argomento tanto delicato, quanto attuale, non può essere liquidato tanto in fretta. Mi sono interrogata anche sui “pezzi” di me che lascio in giro per il web. Ho scelto ormai da tempo di accettare i “compromessi” a volte anche spiacevoli che la rete ti regala, cercando di ridurli al minimo. Mi sorprendo sempre a constatare ciò che gli altri possono fare coi tuoi dati, ma dopo un po’ lo scordo… e onestamente è difficile fare “le cose pulite”! Ci vuole costanza, pazienza…e non sono le mie qualità migliori.

Mentre leggevo E mi è venuto in mente un altro film di fantascienza famoso di cui non ricordo il titolo, dove il protagonista alla fine si era “trasferito” nella rete…non c’era più il suo corpo materiale, ma solo ciò che restava della sua mente fra le pieghe dei byte della rete…e questo è anche un altro aspetto che mi piacerebbe approfondire. Da una parte la preoccupazione per una rete che invade e ti esclude, dall’altra una rete a cui ti abbandoni totalmente fino ad essere le rete tu stesso.

 

Adesso mi manca il post sul Podcast di Luca Piergiovanni: nel suo podcast di sono anche io: una volta mi ha intervistato per il Podcast di SuoniPoetici di Scuola3d…poi arriverà il blog! Vorrei sceglierne uno nuovo, che non ho mai usato prima…

Ore 15,50: un nuovo post appena arrivato: finalmente apriamo un blog! Sentiamo subito che dice…

Fra WordPress Blogger e Noblog, scelgo il terzo: è l’unico sul quale non ho ancora aperto un blog. Mi metto a lavoro…anche di fatto è simile al primo! Ora che ci penso, non ha detto cosa scriverci sopra.

Noblog non si può usare, perché vuole un indirizzo mail gradito e i miei non gli piacciono proprio. Ripiego un po’ di malavoglia, sul mio blog…

Categorie:mooc Tag: